Brescia: a Palazzolo il bando per cercare attività di street food

Brescia: a Palazzolo il bando per cercare attività di street food

Condividi
 

Un bando per attività da street food: un modo per animare l’estate palazzolese e il parco fluviale, così da attrarre pubblico a vantaggio del commercio locale.

“Dopo il successo dell’anno scorso”, come si legge nella nota stampa, l’Amministrazione comunale del sindaco Gabriele Zanni ha deciso di bissare l’esperienza dello street food: le attività di cibo da strada che nell’estate 2020 hanno animato il parco fluviale Metelli, “regalando un po’ di spensieratezza” in un’annata decisamente difficile. Non solo. Con i loro furgoni colorati, i cibi insoliti e spesso gli spettacoli dal vivo correlati, l’esperienza dello street food è stata altamente attrattiva per il pubblico, sia di Palazzolo, sia da fuori città, permettendo di avere una ricca affluenza di persone in centro storico che dal parco fluviale usufruivano della naturale passeggiata fino in piazza Roma e oltre, su entrambe le sponde del fiume, andando così a interessare molto positivamente anche le altre attività commerciali locali.

Per partecipare al bando ci sarà tempo fino alle ore 12 di venerdì 30 aprile e potranno candidarsi quelle attività che possano agire in qualità di aggregatori e che abbiamo mezzi mobili per l’erogazione alimentare – pulmini, furgoncini o altri mezzi mobili attrezzati per la cucina ed opportunamente rivisitati e resi attraenti attraverso la verniciatura o il wrapping degli esterni – a ciascuno dei quali sarà assegnata un’area specifica; il numero massimo di veicoli sarà da concordare in base allo spazio disponibile e all’effettiva fruizione da parte del pubblico. I vincitori si vedranno assegnare gratuitamente l’occupazione di suolo pubblico al parco fluviale per la bella stagione, ma in cambio dovranno fornire un valido servizio di ristoro e dovranno avere cura a loro carico di attrezzare le aree con sedute, tavoli, luci, luminarie e un arredo consono per consentire e favorire al pubblico la sosta e la fruizione del servizio nel rispetto delle norme per la tutela della salute pubblica.  C.S.