Milano: Procura obbliga i Big Delivery a regolarizzare 60 mila rider

Milano: Procura obbliga i Big Delivery a regolarizzare 60 mila rider

Condividi
 

Basta sfruttamento, condizioni pessime di lavoro, compensi striminziti, zero diritti. La Procura interviene per regolarizzare il settore del delivery in Italia ed ha esaminato le posizioni di: 28.836 fattorini di Foodinho-Glovo; 8.523 di Uber Eats; 3.642 di Just Eat; 19.510 di Deliveroo.

Le posizioni lavorative riguardano gli ultimi 4 anni di queste società in Italia, ma, al netto di quanti avranno smesso di lavorare in questo periodo, rapportando questo dato a quello del 2018 è evidente l’esplosione di questo tipo di lavoro nell’ultimo periodo, accentuato dalla crisi pandemica che ha richiesto sempre più addetti e consegne.

Le quattro società alle quali il Procuratore Greco ha fatto notificare i verbali che imporranno la trasformazione dei contratti dei rider da lavoratori autonomi a subordinati, sono quattro giganti del settore. Secondo un’inchiesta di Business Insider, in Italia le maggiori società del settore fatturano insieme circa 100 milioni di euro, ne perdono 12, e hanno versato al fisco italiano circa 300 mila euro.

La strategia dei giganti del delivery è piuttosto consolidata nel settore: queste società, raccolti molti fondi dai propri investitori, comprano altre società più piccole all’estero cercando di aumentare il proprio mercato. Di fatto, quando comprano all’estero comprano la base clienti delle società acquisite. È solo sui grandi numeri infatti che riescono a diventare profittevoli.  C.S.