Financial Times: ” Dagli Stati Uniti all’Italia, street food a rischio...

Financial Times: ” Dagli Stati Uniti all’Italia, street food a rischio estinzione con migliaia di disoccupati”

Condividi
 

Il Financial Times lancia il grido d’allarme con un lungo articolo pubblicato sulle prime pagine del giornale e spiega che il settore dello street food è a rischio estinzione.
Le vittime “economiche” del Coronavirus, a quanto si legge sul Financial Times, sono tutti gli operatori che gravitano intorno al comparto “eventi”. Il settore dei Food Truck, e dello street food in generale sarà il più colpito a causa della mancanza di regole certe e per l’assenza di quegli  “assembramenti” di cui si nutrono queste manifestazioni.

Una situazione che non vale solo per gli Stati Uniti: ancor più in Italia il settore dello street food è in crisi, e gli imprenditori lamentano di essere stati dimenticati dalle autorità. Dalle colonne del Financial Times, si racconta come l’emergenza Coronavirus ha devastato i progetti dei professionisti del settore, creandone di nuove, con lavori che prima non esistevano e causando la definitiva scomparsa di altre. Solo che questo processo ha avuto luogo in soli due mesi, un tempo brevissimo per pensare a una riorganizzazione.

Tra i mestieri più a rischio, spiega il Financial Times ci sono gli chef dei food truck e gli organizzatori, sostenendo che passerà molto tempo prima che le persone tornino a fare la coda per le loro specialità di street food.