Coronavirus: è tempo di ripensare allo Street Food in attesa della normalità

Coronavirus: è tempo di ripensare allo Street Food in attesa della normalità

young brunette likes fat cocks as fists.javhdhay spy camera banging session.
both end fuck. xvideos3
tweety blue bra cowgirl action.
Condividi
 

La crisi che attanaglia l’Italia non si risolverà nel breve periodo, l’epidemia si svilupperà in 3 fasi (come indicato dal Governo), l’ultima fase , quella che dovrebbe portarci alla normalità potrebbe arrivare solo dopo aver trovato un vaccino e quindi a  non meno di un anno (per essere ottimisti).

Il comparto dello street food deve assolutamente cercare delle soluzioni alternative, deve reagire, oppure molti operatori  saranno costretti a chiudere nel giro di qualche mese. Non esistono “bacchette magiche” ma solo opzioni realistiche che non possono essere considerate paliativi.

La formula del “delivery” o “consegna a domicilio” sembra quella più pragmatica e possibile da seguire.

Non abbiamo “scoperto l’acqua calda”, si tratta di una formula decennale, ma nel breve -medio periodo potrebbe rivelarsi la più efficace per chi opera nello street food classico: nei prossimi mesi la “distanza sociale” rimarrà, seppur con metodi meno oppressivi, le persone avranno sempre bisogno di un supporto a domicilio con cibo consegnato a casa. Di conseguenza gli eventi pubblici saranno gli ultimi a poter tornare alla normalità.

La strada è segnata, chi prima “scendeva” in piazza con uno stand o con il food truck oggi deve reinventarsi con cucina “on site” e consegna a domicilio, proponendo le proprie specialità.

Si, le proprie specialità, il valore aggiunto che non tutti i ristoranti (classici italiani) possono proporre. La cucina greca, argentina, polacca, ungherese, spagnola, sud americana etc.  Ovvero tutti quei cibi e prodotti (comprese le birre artigianali) che negli anni hanno conquistato il pubblico dello street food classico itinerante.

L’invito è  quindi  a “ ripensare e riprogettare le vostre cucine“, renderle SUL POSTO “on site” e non più “on the road”, almeno per il momento.

Non bisogna mollare e tenere sempre alta l’attenzione su una giusta comunicazione (social e web), sulla giusta tecnologia da utilizzare (sito internet)  per promuovere l’attività sul territorio di appartenenza.   Noi ci siamo! Un grosso in bocca al lupo! #celafaremo

Il Direttore : Fabio Cirantineo

 

 

sophie loves outdoor sex.nekdsex sex4stories tits job and dildo fuck.