Arancina o arancino? Maschile o femminile?

Arancina o arancino? Maschile o femminile?

Condividi
 

Anche l’accademia della Crusca ha cercato di sciogliere la disputa, che ha indicato la versione maschile come quella corretta, anche se alcuni linguisti accademici sono del parere che entrambe le versioni possano essere usate.

La variante femminile risalirebbe all’origine arabe del timballo di riso, che veniva  preparato a forma di pallina, simili per dimensione al frutto dell’arancio. In dialetto si usa il maschile per indicare il frutto, quindi aranciu e non arancia. Ma, nell’accezione diminutiva, ossia piccolo frutto, si usa “arancina”. 

Nel primo dizionario siciliano-italiano di Giuseppe Biundi (1857), è registrata la variante “arancinu”. Da ottobre di quest’anno, inoltre il termine “arancini” è stato incluso nell’Oxford English Dictionary.

In questi giorni, anche la cantante siciliana Carmen Consoli ha definito la sua teoria: dalle nostre parti è femmina perchè tonda. “Per noi donne catanesi – afferma la Consoli – l’Etna è maschio, ecco perchè per noi l’arancino è maschio”.