Salone del Gusto: Al Dissapore Cafè dibattiti e appuntamenti con i...

Salone del Gusto: Al Dissapore Cafè dibattiti e appuntamenti con i protagonisti del gusto

Da Bonci, Sorbillo, Teo Musso, Guido Martinetti, Oscar Farinetti e tanti altri

Condividi
 

I segreti degli impasti di Gabriele Bonci, le pizze di Gino Sorbillo, la premiazione del 50 best del gelato italiano, il duello di Grom contro tutti i puristi del gelato, Teo Musso e la sua birra Baladin, Impresa e Qualità secondo il Farinetti pensiero, pizze, gelato a mezzanotte e molto altro ancora. Questi alcuni degli incontri imperdibili in programma da giovedì 22 e lunedì 26 presso il Dissapore Café che sarà collocato tra gli stand dei Maestri del Gusto in Piazzale Valdo Fusi.

Un luogo di incontro dove tra un caffè e una chiacchiera sarà possibile ascoltare e conoscere meglio i veri protagonisti delle principali tendenze del food, “graffiati” dalle domande dello staff e della redazione di Dissapore. Una telecamera sempre accesa, inoltre, garantirà il racconto costante degli eventi, degli incontri e delle interviste estemporanee agli ospiti ad una platea virtuale che conta ogni mese più di 1 milione di lettori unici e che si stima, durante i giorni del Salone, arriveranno a più di 100 mila al giorno sul sito.

Live blogging e informazione in tempo reale, poi grazie agli strumenti messi a disposizione dei social network: in particolare Facebook e le sue dirette, garantiranno una copertura accurata e indiscreta, su tutto quello che di piccante e nuovo verrà raccontato ai microfoni i Dissapore.

Come in ogni CAFE’ che si rispetti, in Piazzale Valdo Fusi sarà possibile degustare l’ottima qualità della torrefazione Art Cafè in collaborazione con De Longhi, che per l’occasione sfoggerà due macchine super-automatiche, a disposizione degli ospiti.

Raccontare il cibo in ogni sua forma, espressione e manifestazione: questa la missione di Netaddiction che con le testate Dissapore.com e iFood.it è al fianco di Slow Food quest’anno come Internet Media Partner ufficiale di Terra Madre Salone del Gusto, l’evento in programma a Torino dal 22 al 26 settembre che per la prima volta si svolgerà in maniera diffusa nella città.

Per coloro che rimarranno a casa, lontani da Torino, sarà possibile seguire l’evento sul sito, Dissapore.com  e iFood.it e sui profili social della testata, grazie alle dirette Facebook e Twitter.

Gli appuntamenti moderati da esperti e giornalisti, tra cui Massimo Bernardi, responsabile della testata, sono aperti a tutti e si terranno al Dissapore Café, ubicato in Piazzale Valdo Fusi tra gli stand de “I Maestri Gusto”.

Qui il programma:

Giovedì 22

12.00: Speciality Coffee con le torrefazioni ospiti del Salone Del Salone Del Gusto

15.00 Contaminazioni di Gelato con Paolo Brunelli – Gelateria Brunelli

18.00: Impasti e lievitati con Gabriele Bonci e Fulvio Marino:

 

Venerdì 23

12:00 Gli Oscar Del Gelato I Top 50 della Classifica Dissapore. Premiazione delle migliori Gelaterie D’Italia secondo La Classifica di Dissapore.

15:00 Il BBQ: Gianfranco Lo Cascio

18:00 Pizza: spendereste 30 euro per una pizza? Con Gino Sorbillo, Massimiliano Prete (Gusto Divino Salluzzo), Stefano Callegari.

Dalle 24:00 Pizza di Mezzanotte Offerta da Gusto Divino Salluzzo e birra Baladin, presso la birreria Open Baladin.

 

Sabato 24

12:00 Filiera totale del cioccolato: rinascimento della tradizione attraverso l’innovazione con Marco Colzani (C-Amaro), Pierpaolo Ruta (Antica Dolceria Bonajuto), Guido Gobino, Komi Agbokou (Choco Togo)

15: 00 Il BBQ: Gianfranco Lo Cascio

16:00 Martinetti Vs. Tutti: Guido Martinetti, fondatore di Grom intervistato da Andrea Soban/Massimo Bernardi

19:00 È solo birra Artigianale: Teo Musso (Baladin), Leonardo Di Vincenzo (Birra del Borgo), Donato di Palma (Birranova)

24:00 Gelato di Mezzanotte offerto da La Compagnia Gelatieri presso la Birreria Open Baladin

 

Domenica 25

12:00 Imprenditorialità & qualità: Gianni Farinetti

15:00 Produzione della tavoletta a pietra con i produttori africani della rete Chocofair (Costa d’Avorio, Togo e Sao Tomé) secondo la tecnica storica raccontata da Guido Monero di Pastiglie Leone.   (CS)