Alla scoperta del cibo da strada: Pani câ meusa, una prelibatezza dal...

Alla scoperta del cibo da strada: Pani câ meusa, una prelibatezza dal gusto Palermitano

Bisogna bollire la milza ed i ritagli di polmone, farli raffreddare e tagliarli a fettine molto sottili

Condividi
 

Il pane con la milza, o per meglio dire “U pani c’a meusa” fa parte della tradizione gastronomica Palermitana. “Re” incontrastato dello street food , si tratta di un “piatto” povero della tradizione culinaria, con una storia secolare.

Nel capoluogo siciliano lo si mangia un po’ a tutte le ore, a pranzo, a cena, spesso è servito nei buffet, ed anche se non è da considerare una pietanza soft nessuno lo disdegna in versione spuntino spezza-fame al mattino o al pomeriggio.

Per prepare un buon panino bisogna bollire la milza ed i ritagli di polmone, farli raffreddare e tagliarli a fettine molto sottili. In una padella, o meglio ancora nell’apposita casseruola adatta alla cottura della milza, soffriggere con un po’ di strutto la milza ed i ritagli di polmone. Prendere i panini e imbottire con la milza e polmone, spolverare con un po‘ di sale e servire subito, vanno mangiati caldissimi.

A questo punto si può decidere se mangiarlo solo con l’aggiunta di una spremuta di limone o con l’aggiunta della ricotta o del caciocavallo grattugiato.