Street food e delivery: italiani a caccia di cibi sani

Street food e delivery: italiani a caccia di cibi sani

Condividi
 

Secondo Just Eat, nel 2021 questa tendenza si consoliderà anche nel delivery, portando a un vero e proprio boom della cucina salutare, con un’attenzione particolare a piatti vegan, superfood e prodotti di stagione.

I dati ci dicono che negli ultimi 6 mesi del 2020, la richiesta di piatti vegan è aumentata del 90%; quella dei piatti vegetariani ha visto un +127% e, in generale, i piatti “healthy” hanno avuto un’ascesa del 72%. Interessante sottolineare come il vegan spopoli in particolare a pranzo (+153% di richiesta negli ultimi 6 mesi), mentre a cena gli ordini si concentrano prevalentemente su insalate e piatti vegetariani.

Anche Uber Eats parla di un interesse in crescita per la cucina plant-based, e i dati diffusi dalla piattaforma rivelano che il Paese in cui si effettuano più ordini vegani è l’Inghilterra, seguita dalla Polonia e dalla Francia. In Italia si è riscontrato un forte incremento degli ordini di questi piatti: infatti, dal 2018 al 2020 è stato registrato un aumento delle consegne pari al 300%.

Per quanto riguarda il nostro Paese, i dati diffusi da Just Eat rivelano che la cucina sana spopola soprattutto a Roma, Trieste, Milano, Ferrara, Genova, Bari, Bologna, Torino, Brescia e Napoli. In particolare, la capitale registra il più alto tasso di crescita per la cucina healthy: parliamo di un +42%, tra cui spiccano i piatti vegani (+400%), seguiti da quelli vegetariani (+300%), poké (+260%) e insalate (+60%).

Secondo gli esperti, sono soprattutto le donne a portare avanti la tendenza dell’healthy food: si parla di un 63% contro il 36% degli uomini. Il trend riguarda in particolare le persone di età compresa fra i 25 e i 34 anni (40%), seguite dai consumatori tra i 35-44 anni (30%), mentre fra i giovanissimi l’interesse è minore (12%).  C.S.