Evento annullato a Borghetto, polemica a colpi di querele tra “Vivi Borghetto”...

Evento annullato a Borghetto, polemica a colpi di querele tra “Vivi Borghetto” e “Street Gang di Rivalta”

Condividi
 

La Street Gang APS non si è mai permessa di ‘beffare’ qualcuno. La necessità di annullare l’evento è stata valutata dalla stessa ‘Vivi Borghetto’ per motivi che non sono imputabili alla nostra Associazione”. Così i responsabili della Street Gang Aps di Rivalta (Torino) commentano le accuse lanciate da Carolina Bongiorni (segretaria di “Vivi Borghetto”) dopo l’annullamento dell’evento di Street Food in programma dal 31 agosto al 2 settembre.

Alcuni giorni fa Vivi Borghetto, annunciando la cancellazione della tre giorni, aveva apertamente attaccato l’associazione piemontese parlando di mancato rispetto degli accordi: “Siamo stati beffati dalla Street Gang – aveva affermato – che dopo aver addirittura affisso i manifesti ha comunicato che non si presenterà”. Un comunicato in cui Bongiorni si definiva “delusa e amareggiata” e annunciava di aver deciso di tutelarsi legalmente, prima con una formale intimazione ad adempiere agli obblighi contrattuali assunti e poi con una richiesta di risarcimento danni.

Una versione che però la Street Gang contesta in toto: secondo uno dei responsabili, Luca Miano, a decidere la cancellazione dell’evento sarebbe stata la stessa Vivi Borghetto. “Le attività svolte in passato dalla Street Gang sono sempre state espletate con il massimo impegno e formalità – chiarisce – e crediamo ne siano testimoni tutte le persone che hanno partecipato agli eventi del porto”.

La Street Gang bolla quindi come “falsa” la notizia data da Bongiorni: “Siamo davvero rammaricati per quanto successo e per le accuse che ci sono state mosse – conclude – e speriamo di ritornare nuovamente a Borghetto per ripetere le belle esperienze intraprese in passato”.  (Fonte Ivg.it)

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO