Lo Street Food Pugliese conquista Fico Eataly World

Lo Street Food Pugliese conquista Fico Eataly World

Condividi
 

Panzerotto, focaccia e puccia saranno i nuovi protagonisti al FICO Eataly World. Il nuovo progetto “Puglia come mangi. Le specialità pugliesi da tenere tra le dita” è stato presentato a Bologna da Casillo Group – alla presenza di Domenico Mazzilli (amministratore delegato Selezione Casillo), Paolo Sanguedolce (responsabile ricerca e sviluppo Selezione Casillo) e Fabio Mastandrea (mastro fornaio di Bari) – e ha lo scopo di esaltare i sapori e la bellezza dei prodotti della regione.

Le tre specialità simbolo dello street food, note per la peculiarità di poter essere assaporate senza l’ausilio di forchetta e coltello, potranno essere gustate nel Bistrò “Puglia come mangi” (chiosco n. 7). I tre prodotti saranno preparati interamente in loco, mostrando al consumatore l’intero processo, dalla preparazione delle materie prime – prodotte dal mulino Casillo all’interno del parco agroalimentare – fino ai passaggi finali di cottura dei prodotti.

Tiziana Primori, l’amministratore delegato Fico Eataly World che darà inizio al progetto, commenta: “FICO Eataly World rappresenta tutte le filiere dell’agroalimentare italiano, dal campo alla forchetta, offrendo ai visitatori conoscenza, esperienza, divertimento anche attraverso i 45 luoghi ristoro, che vanno dallo street food fino al ristorante stellato, dal Nord al Sud del nostro Paese. “Puglia come mangi” è inserito nella filiera dei cereali, una delle più ricche e celebri della nostra tavola: Casillo, a FICO, consente di scoprire e sperimentare la meravigliosa varietà e qualità degli ingredienti e il saper fare della Puglia, una delle regioni che vantano le tradizioni agroalimentari più interessanti del nostro Paese. In estrema sintesi, un assaggio dei saperi e i sapori della nostra Italia”.

Il Gruppo Casillo, leader nella trasformazione e commercializzazione internazionale del grano duro, si ritiene d’altro canto orgoglioso di poter prendere parte al progetto che mostrerà al mondo le eccellenze del territorio pugliese. Secondo l’azienda di Corato (BA), la bontà del prodotto nasce dalla qualità della materia prima, ovvero una semola 100% pugliese rimacinata da filiere controllate e certificate “Prime Terre”, un brand Selezione Casillo nato per valorizzare le produzioni di farine e semole locali. I grani duri e i grani teneri 100% italiani e 100% territoriali certificati da Prime Terre verrebbero prodotti interamente nelle regioni che da sempre sono state adibite alla coltura del grano, tra cui Puglia, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Sicilia, Basilicata, Campania e Abruzzo.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO